La Madre (Mirra Alfassa)La Madre (Mirra Alfassa)

La Madre, Mère, nasce come Blanche Rachel Mirra Alfassa a Parigi il 21 febbraio 1878, da padre turco e madre egiziana.

Sin dalla prima infanzia è cosciente di un mondo subliminale, diverso da quello fisico, e di un ruolo particolare che lei è destinata a svolgere.

Tra gli undici e i tredici anni, come lei stessa raccontò, una serie di esperienze le rivelarono non solo l’esistenza di Dio, ma anche la possibilità data all’uomo di unirsi a Lui, di realizzarLo integralmente nella coscienza e nell’azione, di manifestarLo sulla Terra in una vita divina.

Studente dell’ Accademia Julian, divenne un’artista riconosciuta e anche un’eccellente pianista e scrittrice. Interessata all’occultismo,nel 1905  si recò a  Tlemcen, in Algeria, per studiare con l’adepto Max Theon e sua moglie.

Durante il sonno, numerosi maestri spirituali venivano a offrirle i loro insegnamenti .Col tempo, la relazione con uno di essi divenne più precisa, e sebbene Mirra non sapesse nulla o poco dell’India e della sua filosofia, cominciò a chiamarlo Krishna. Quando nel 1914 incontrò per la prima volta Sri Aurobindo a Pondichéry, la Madre riconobbe in lui il Krishna dei suoi sogni.

In molti l’hanno descritta, manifestando a parole la loro ammirazione per un aspetto che coglievano della sua personalità, e la Madre rivelava a ciascuno quanto di se stessa loro potevano ricevere; ma fu solo Sri Aurobindo che la riconobbe, e la descrisse, senza riserve, come la Madre Divina.

Dal 1920, al rientro dal Giappone, si stabilisce a Pondicherry, dove rimarrà tutta la vita.

Nel 1926, inseguito al suo ritiro, Sri Aurobindo la incarica della gestione materiale e  spirituale dell’Ashram fondato in quell’anno.

Nel 1943  fonda la Scuola dell’Ashram, che diventerà il ‘Centro Universitario’ e poi il ‘Centro Internazionale di Educazione Sri Aurobindo’.

Dal 1950 al 1958 la Madre tiene con i bambini della scuola e con i discepoli degli incontri che, registrati su nastro, diverranno le “Conversazioni”. Dal 1950 al 1973, il discepolo Satprem raccoglie dalla sua voce la storia quotidiana del suo yoga, volto alla trasformazione cellulare per il sorgere sulla terra di una nuova materia supermentale e una nuova umanità spiritualizzata. L’esperienza della Madre è trascritta nei tredici volumi dell’ “Agenda”.

Nel 1968, a 15 km da Pondicherry (India), inaugura la città internazionale di Auroville.

La Madre lascia il corpo fisico il 17 novembre 1973.

Download libri della Madre: